Denuncia di morte

Denuncia di morte

NOTA BENE : La denuncia di morte va fatta entro 24 ore dal decesso all’Ufficiale di Stato Civile del luogo ove è avvenuto l’evento o, se si ignora dove la persona sia deceduta, del luogo dove è stata depositata la salma.

DECESSO PRESSO UN OSPEDALE O ALTRA STRUTTURA ORGANIZZATA ( CASA DI RIPOSO, CASA DI CURA, ECC. … )

La denuncia di morte viene fatta tramite avviso da parte della Direzione Sanitaria degli Ospedali o delle Case di Cura, di Riposo, ecc.

DECESSO PRESSO UN’ABITAZIONE PRIVATA

a) RESIDENTI

L’Ufficio controlla che i dati siano esatti, predispone l’atto di morte e rilascia il permesso di seppellimento

b) NON RESIDENTI

L’Ufficio provvede a controllare i dati con il Comune di residenza, a cui sarà trasmessa anche una copia dell’atto di morte per la trascrizione, prepara l’atto di morte e rilascia il permesso di seppellimento.

c) CASI PARTICOLARI

Procedure particolari sono previste per i casi di morti non identificati, non identificabili, di morte presunta, ecc. … .

PERMESSO DI SEPPELLIMENTO

Viene steso sulla base dell’avviso di morte in cui il medico indica dopo quante ore può avvenire la sepoltura ( previa autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria competente in caso di morte violenta o accidentale ) .

CREMAZIONE

Per quanti desiderano che le salme dei loro defunti siano avviate alla cremazione è necessario presentare l’apposita richiesta all’Ufficiale di Stato Civile al momento della denuncia di decesso.
La volontà di essere cremato da parte del defunto deve risultare da testamento o dal fatto di essere iscritto ad una Società per la Cremazione.

Se il defunto non ha lasciato testamento, non era iscritto alla So.Crem. , ma comunque aveva espresso in vita la volontà di essere cremato, i familiari possono lo stesso chiedere l’autorizzazione alla cremazione e, in questo caso, dovranno dare il loro consenso secondo un ordine gerarchico previsto per legge.

Se la morte è dovuta a reato ( o vi è il sospetto di reato) vi sono particolari cautele da seguire.
Il costo della cremazione è a carico dei richiedenti, salvo il caso di indigenza.
Il prezzo è stabilito dall’Azienda che gestisce l’impianto di cremazione ( per Verona l’A.G.E.C. ) conformemente alle indicazioni fornite dal Ministero competente.

CREMAZIONE PER CITTADINI STRANIERI

L’autorizzazione alla cremazione dei cittadini stranieri va data sulla base delle norme che regolano la cremazione nello Stato di appartenenza del defunto.

Pertanto bisogna presentare una dichiarazione rilasciata dalle autorità competenti del Paese di appartenenza da cui risultino le norme applicabili e le modalità attraverso cui rilasciare l’autorizzazione.